GIOCOMOTRICITA’ SU SCACCHIERA GIGANTE

Questo progetto, coordinato dall’Insegnante della Scuola dell’Infanzia Maria Luisa Bondio, nasce con l’intento di rendere i bambini costantemente protagonisti e progressivamente consapevoli delle proprie competenze senso-motorie, attraverso il gioco e l’uso di un’intelligenza attiva. Questa esperienza motoria avviene in uno spazio privilegiato e protetto, la scacchiera, e diventa un’esperienza magica, ponte tra realtà e immaginazione, miscelando gioco e consapevolezza nel rispetto per sé e per l’altro, per conoscere se stessi ed entrare in relazione con gli altri in modo leale, responsabile e cooperativo.

Proposto sia nelle Scuole dell’Infanzia che nelle classi Prime e Seconde della Primaria, diventa un utile ponte di transizione e di continuità con i progetti Base di Scacchi su banco.

BENEFICI DELLA PSICOMOTRICITA’ E OBBIETTIVI DEL CORSO

Nella giocomotricità scacchistica non ci interessano la didattica e la teoria scacchistica che vengono insegnate nel corso base di scacchi, ma gli aspetti cognitivi e metacognitivi connessi con le situazioni di gioco, e promossi dall’utilizzo della narrazione e della socializzazione per mezzo della psicomotricità in contesto scacchistico, perché tramite questi si possono cogliere utili spinte per buone e sane crescite. Quindi il nostro obiettivo qui non punta all’insegnamento del gioco degli scacchi in sé, ma si propone di promuovere, tramite gli scacchi, un percorso di crescita e nuove competenze a vari livelli (affettive, cognitive, relazionali, motorie) giocando in gruppo.

Esplorare sé stessi e lo spazio giocando

  • acquisire la conoscenza dello spazio individuale e di gruppo giocando sulla scacchiera; 
  • accrescere la padronanza degli schemi motori, posturali e la consapevolezza corporea; 
  • conoscere sé stessi e gli altri attraverso l’ascolto e il rispetto delle regole;
  • riconoscere numeri, lettere e coordinate in relazione allo spazio (per le scuole primarie).

Comunicare e relazionarsi con sé e con gli altri

  • arricchire e precisare il proprio bagaglio lessicale e cognitivo;
  • utilizzare il linguaggio corporeo e motorio per comunicare ed esprimere i propri stati d’animo; 
  • rispettare la diversità, una strada verso la conoscenza reciproca;
  • focalizzare il pensiero e l’azione per conoscere i propri limiti e le proprie potenzialità;
  • conoscere, esprimere e contenere le proprie emozioni;
  • imparare il valore della cooperazione e del lavoro di squadra per raggiungere obiettivi comuni.

SCARICA IL PROGETTO